sabato 4 febbraio 2012

permacultura in cucina

Oggi ho fatto porri lessi, raccolti dal mio orto, la parte di "scarto" cioè la parte finale della foglia del porro la sbollento nell'acqua la strizzo e la metto nel frizer, pronta a diventare degli splendidi fogli di carta!

Foglio di carta di porro concellulosa

Una volta ottenuti i fogli di carta posso utilizzarli per fare confezioni regalo, biglietti di auguri, oppure per fare cartonaggio (quaderni, teche, scatole, ecc...)
La parte finale che non utilizzo finisce nel compostaggio, e ritorna nel circolo del mio orto!
Ed il cerchio si chiude.
Questo si può fare con la parte del carciofo fibrosa che non mangiate, con la paglia, con la buccia della cipolla, con la parte di scarto dell'asparago, con i fondi del caffè, con le bucce di banana, e tante altre verdure fibrose.

Oggi (11-04-2012) piove molto bene, quindi attività casalinghe...
Ho preso degli asparagi e li ho preparati togliendo con il pelapatate la parte più legnosa.
L'asparago è finito in pentola a cuocere



Mentre con la parte legnosa ho deciso di ricavarci della carta e condividere con voi l'avanzamento del lavoro

1-In un secchio ho messo la parte legnosa 


2-Aggiunto un cucchiaio di soda (dipende dalla quantità di materiale)



3- aggiunto acqua di rubinetto fino a che tutto rimanesse coperto



4- mescolato per qualche istante


fino a domani pomeriggio non si tocca (12 ore circa)
5- passate 12 ore cuocere un ora in abbondante acqua


6- Frullare della carta  con gli asparagi e dell'acqua calda




7- Versare il contenuto in una bacinella



8- aggiungere dell'acqua calda


9- iniziare a fare i primi fogli





 10- mettere ad asciugare su uno stendino





Dopo un bel pranzo in compagnia, con 4 persone risultato:

  1. grandi risate
  2. pancia piena
  3. 5 fogli di carta artigianale
  4. del buon organico
Se non è permacultura questa!

Nessun commento:

Posta un commento